Paul Citroen. Metropolis, 1923. Gelatin silver print, 8 1/16x6” (20.4x15.3cm)

È proprio la contrapposizione tra il sistema costruttivo, compatto e imperturbabile, e il confuso dileguare degli esseri umani a suscitare il terrore. Da un lato, il sottopassaggio: un’unità stabile e ben ponderata, in cui ogni bullone e ogni mattone se ne sta al suo posto e partecipa dell’intero. Dall’altro, gli uomini: parti e particelle sempre scisse l’una dall’altra, inconciliabili schegge di un intero che non è mai dato. Sanno stabilire una connessione tra muri, archi e pilastri, ma sono incapaci di organizzare se stessi in una società. Vista attraverso quel perfetto sistema di morta materia, la caotica imperfezione del vivente si rivela impressionante, spaventosa [Kracauer 1932].

Paul Citroen. Metropolis, 1923. Gelatin silver print, 8 1/16x6” (20.4x15.3cm)

È proprio la contrapposizione tra il sistema costruttivo, compatto e imperturbabile, e il confuso dileguare degli esseri umani a suscitare il terrore. Da un lato, il sottopassaggio: un’unità stabile e ben ponderata, in cui ogni bullone e ogni mattone se ne sta al suo posto e partecipa dell’intero. Dall’altro, gli uomini: parti e particelle sempre scisse l’una dall’altra, inconciliabili schegge di un intero che non è mai dato. Sanno stabilire una connessione tra muri, archi e pilastri, ma sono incapaci di organizzare se stessi in una società. Vista attraverso quel perfetto sistema di morta materia, la caotica imperfezione del vivente si rivela impressionante, spaventosa [Kracauer 1932].

@1 anno fa

@2 anni fa con 1 nota
#patience (after sebald) #the caretaker's #sebald 

http://earth.eo.esa.int/satelliteimages/2196/iran-IKONOS-2-20081113_or.jpg

@2 anni fa con 1 nota
#Dasht-e Kavir salt desert #iran #grande deserto salato 

"Théorème: le bruit suscite un système nouveau, un ordre plus complexe que la simple chaine. Ce parasite-là interrompt à première vue, il consolide à la seconde. Il habitue le rat des villes, le vaccine, le mithtidatise. La ville fait du bruit, mais le bruit fait la ville."

M. Serres. Le parasite

@2 anni fa con 14 note
#serres #parasite #metropolis 

il ricilaggio di materia

ovvero, la trasrofmazione dell’ordinario

@2 anni fa

la città neutrale - la griglia. il trattamento neutrale del mondo porta alla fine la persona a sentirsi vuota essa stessa [paolo perulli]

@3 anni fa con 3 note
#paolo perulli #griglia 
la città è una totalità sparpagliata
[spread-out]

la città è una totalità sparpagliata

[spread-out]

@3 anni fa con 2 note
#spread #debord #paris 

la modernità è ossessionata dal futuro.

[archigram]

@3 anni fa con 2 note
#archigram #futuro #modernità 
pierrot le fou

pierrot le fou

(Fonte: pushthemovement)

@1 anno fa con 36569 note

http://earth.eo.esa.int/satelliteimages/2189/Proba_HRC_crop_20110901_Black-Rock-City_US-Nevada,0.jpg

Il catalogo delle forme è sterminato: finchè ogni forma non avrà trovato la sua città, nuove città continueranno a nascere. Dove le forme esauriscono le loro variazioni e si disfano, comincia la fine della città.

Italo Calvino, Le città invisibili

@2 anni fa con 21 note
#calvino #città invisibili #Black-Rock-City #nevada #US 

la sintesi

"Un uso speciale di parole e fotografie può condurre al silenzio, le fotografie e gli album sono esercizi per dilatare la Coscienza, mi insegnano a pensare in blocchi di associazioni piuttosto che a parole. Le parole, così come noi le usiamo, possono intromettersi in quella che io chiamo l’esperienza del non-corpo. E arrivato il momento di pensare abbandonando il corpo. lo punto verso l’esterno per capire tutto ciò che è possibile raggiungere per una totale comprensione dell’ambiente che mi circonda. Ciò che mi interessa è pensare con la voce interiore, in silenzio. Quando si comincia a pensare per immagini, senza parole, allora si è sulla buona strada. La condizione senza parole è la tendenza evoluzionistica. Le parole sono strumenti goffi, verranno abbandonate prima che non si pensi. E’ qualcosa che avverrà nell’era spaziale. Molti scrittori “seri” rifiutano la tecnologia. Non capisco questo timore. L’idea di usare un mezzo meccanico a scopi letterari sembra loro un sacrilegio. Questa è una delle obiezioni al “taglio”, una sorta di reverenza superstiziosa verso la parola. Dicono: come si fa a tagliare la parola? Perché non posso farlo?”

William S. Burroughs - Checca

@2 anni fa con 7 note
#William S. Burroughs #burroughs #checca 

"La città nella sua storia è il perenne esperimento per dar forma alla contraddizione, al conflitto. Città da polemos, polis-polemos."

Massimo Cacciari. “Nomadi in prigione”
@2 anni fa con 14 note
#cacciari #città #polis 

i parassiti_

http://www.stetoscopio.net/wp-content/uploads/2011/06/Parassiti_10.jpg

I luoghi “non vengono interpretati come spazi da ristrutturare o rinfunzionalizzare ma come campi di applicazione di una strategia che vi coglie margini di utilizzo e di sfruttamento. L’approccio progettuale si basa quindi sulla ricerca di queste possibilità, su questa capacità di lettura e interpretazione delle’esistente.”

Sara Marini

@2 anni fa con 3 note
#sara marini #parassita #architettura 

la maglia quadrata spinge sempre oltre il confine della frontiera

[ny]

@3 anni fa con 1 nota
#griglia #new york #ny 

Ma forse il centro potrà non essere più un ‘punto’ centrale bensì una semplice striscia tra altre strisce.

@3 anni fa con 9 note
#punto #strisce #rothko #White Centre